Cookie usage on this site

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website. By continuing to use our site, you accept our use of cookies. Read more about how we use cookies in our Privacy Policy.

Armi: sono ammessi tutti i fucili a pallini inclusi i modelli semiautomatici, che non superino il calibro 12. 
I fucili semiautomatici devono essere costruiti in modo che non si possa caricare più di un colpo nel caricatore. 
L'utilizzo di fucili cosiddetti "a pompa" non è ammesso. 

Posizioni: durante il tempo di preparazione (10 secondi) il tiratore si mette in posizione di pre-imbracciata e richiama i piattelli/doppietti, che vengono lanciati con un ritardo variabile tra 0 e 1 secondo. 

Programma: le competizioni internazionali prevedono per gli uomini 150 piattelli (tre serie da 25 doppietti) e per le donne 120 piattelli (tre serie da 20 doppietti) per le qualifiche. 
Dopo, i sei migliori tiratori (solo maschile - il femminile dal 2004 è stato tolto dal programma olimpico
partecipano alla finale con 25 doppietti. Nella finale in caso di parimerito si passa al cosiddetto "Shoot-Off".
In gare nazionali possono essere istituiti programmi di gara più ampi o più ristretti. 
Il numero di piattelli colpiti decide sul piazzamento del tiratore. 
Double Trap è disciplina olimpica dal 1996. Doppo i giochi olimpici del 2004 di Atene, la disciplina del Double Trap è stata tolta dal programma olimpico femminile. 

Munizioni: vengono utilizzate cartucce a pallini con una lunghezza totale del bossolo sparato non superiore a 70 mm.
Il diametro dei pallini non può superare i 2,6 mm. Il peso della carica di pallini non può superare i 24,5 g. 

Serie di tiri: 15 colpi in 40 minuti, prima un numero illimitato di tiri di prova in 10 minuti. 

Piattelli: vengono utilizzati piattelli con un diametro di 110 mm (+/-1mm), 
un'altezza di 25-26 mm ed un peso di 105 g (+/-5 g). 
I piattelli utilizzati per il giorno di prove ufficiali e per il giorno di gara devono essere identici. 
I piattelli possono avere vari colori (ad es. neri, bianchi, gialli, arancioni) ma devono sempre risaltare visibilmente rispetto allo sfondo. 

Distanza, altezza, angolo: La regolazione della distanza di lancio, dell'altezza di lancio e dell'angolo di lancio dei piattelli avviene in base ad uno dei nove schemi a disposizione. 
L'altezza di lancio, misurata dalla base a 10 metri di distanza dal lato superiore del tetto della cosiddetta "fossa", 
varia tra 1,5 e 3,5 m (+/-0,5 m). La distanza di volo è di 76 m (+/-1 m). 
L'angolo massimo di lancio è di 45 gradi a sinistra o a destra. 
La regolazione dei piattelli avviene in questa sequenza: altezza, distanza, angolo. 

Fonte: DSB
www.dsb.de

Mobile-Menü schliessen
«